Come internet ha cambiato il gioco d’azzardo

C’è un fenomeno che ormai è evidente e che è destinato a mutare sempre più in futuro il mondo del gioco d’azzardo, ed è la possibilità di giocare attraverso la rete, usando internet, un personal computer, o un device portatile. L’avvento dell’uso delle nuove tecnologie nel mondo delle scommesse ha infatti portato anche ad un cambiamento concettuale nei confronti del gioco d’azzardo. Un tempo, chi si dedicava al gioco d’azzardo era considerato un soggetto a rischio, una persona che avrebbe potuto sviluppare atteggiamenti sociopatici o dilapidare il suo patrimonio. Se le ludopatie restano ancora oggi un rischio concreto, è però anche vero che il fatto che chiunque possa giocare da casa propria, in qualunque momento, ha portato sempre di più ad equiparare il gioco d’azzardo ad una semplice forma di intrattenimento, non molto diversa da qualunque altra forma di gioco si possa sperimentare on line. Grazie all’uso di internet, infatti, il gioco d’azzardo ha assunto un aspetto molto diverso, soprattutto al fine accattivare nuovi giocatori che magari un tempo non avrebbero neppure pensato di scommettere i propri soldi . La possibilità di poter giocare in ogni momento, investendo la cifra che si desidera (o giocando anche senza usare soldi veri) e l’aspetto innocuo delle sale da gioco on line hanno reso il gambling assai più nazional-popolare di quanto non fosse mai stato in passato. Un altro notevole apporto alla diffusione dei giochi on line lo ha dato Facebook, insieme a tutti gli altri social network. Se infatti in un primo momento queste piattaforme rifiutavano di ospitare la possibilità per i propri iscritti di giocare d’azzardo, con il tempo, considerata la mole d’affari movimentata dal comparto, hanno lasciato sempre più spazio a queste forme di intrattenimento digitale. Si deve anche considerare un altro aspetto: per quanto in Italia la normativa non sia ancora del tutto chiara, negli Stati Uniti, ad esempio, tutte le aziende che si occupano di gambling on line sono sottoposte a rigide regole e ad un regime fiscale molto rigoroso. Quindi, dal punto di vista della legalità, gli affari che vengono stipulati nell’ambito del gioco d’azzardo hanno lo stesso status di qualunque altro contratto commerciale, e in più hanno il pregio di portare a notevoli guadagni. Sempre negli USA, è previsto che per il 2017 il giro di affari creati dal gioco d’azzardo on line sarà di ben 463 milioni di dollari. Per avere una reale percezione di quanto la realtà del gioco on line sia andata crescendo negli ultimi anni a livello globale, basti considerare queste cifre: solo in Italia, a partire dal 2004, il numero dei giocatori virtuali è cresciuto di ben l’80%; nei primi otto mesi del 2015, il totale di denaro ingenerato dalle scommesse virtuali è stato di oltre 5 miliardi di euro. La gran parte di questi introiti viene da chi, per giocare, usa dei dispositivi portatili, come tablet e smartphone, e la previsione è che, entro la fine dell’anno, coloro che si avvarranno di questi strumenti per giocare saranno in percentuale di oltre il 40%. In sostanza, ciò che si può evincere dall’osservazione dei dati, e dello stato delle cose fino ad oggi, è che internet e i nuovi dispositivi tecnologici hanno profondamente cambiato le abitudini degli italiani, e non solo degli italiani, anche per quel che riguarda il gioco d’azzardo on line, e che questa tendenza è destinata a radicarsi sempre di più negli anni a venire.